Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

sabato 31 dicembre 2011

Le Ricette della Nonna vi augura Buon Anno Nuovo

auguri buon anno

Oggi niente ricette, ma un personale commento da parte della sottoscritta su ciò che è stato il 2011 e ciò che spero sarà il 2012.

Per finire l’anno in bellezza ho voluto fare un regalo al Blog, una rinfrescata di grafica ed elementi che gli danno un tocco shabby/country che mi piace tanto: spero che piaccia anche a chi mi segue e spero di continuare a offrire spunti e ricette di qualità per far innamorare della cucina anche gli animi più razionali.

Siamo arrivati alla fine del 2011, un anno pieno di ricette nuove, esperimenti, collaborazioni: un anno pieno di soddisfazioni personali.

Ci sono piccole gioie quotidiane che ti fanno alzare la mattina con il sorriso e con lo spirito giusto per affrontare le giornate, impegnative o meno che siano… è questo che auguro a tutti: di potersi svegliare sorridendo alla vita, cogliendo ogni opportunità e sfumatura che ci offre; di poter condividere i propri ideali con le persone che abbiamo scelto di avere accanto, siano queste compagni di vita, amici o parenti; di lottare nel nostro piccolo per un futuro migliore, amando questo pianeta, spesso bistrattato, ma sempre tanto generoso con noi; di vedere negli altri un’opportunità e non un pericolo come ci vogliono far credere gli opportunisti; di continuare a vivere di passioni, perché se hai qualcosa per cui lottare, di sicuro ne potranno nascere solo cose positive.

Tanti auguri di cuore, da una che ci crede ancora davvero.

                                                                            

                                             Monia (2)  803D5FD60EDD68D27FB9BA87B66FD938

ShabbyBlogsDividerJ

giovedì 29 dicembre 2011

Insalata di polipo con patate

Insalata di polipo con patate (4)Insalata di polipo con patate (1)polipo lessoInsalata di polipo con patate (2)Insalata di polipo con patate (3)Insalata di polipo con patate (640x480)
Questo è uno dei miei piatti forti della cena della Vigilia, ma si adatta perfettamente ad ogni cena a base di pesce, in qualsiasi stagione.
Il piatto è leggero e delicato, anche se le patate lo rendono sostanzioso: si può servire come antipasto, secondo piatto o piatto unico.
Servito su crostoni di pane casereccio abbrustolito è veramente incredibile!
A questo piatto delizioso ho abbinato il vino Bianco Monterosso Bellati dell’Azienda Vitivinicola da agricoltura biologica Bellati Maria Carla di Acqui Terme, in provincia di Alessandria.
Per avere informazioni e ordinare gli ottimi vini biologici direttamente in azienda, si può scrivere a: mariacarla.bellati@fastwebnet.it

INGREDIENTI (per 4 persone)

1 polipo da 1 kg
1 kg di patate
una manciata di prezzemolo (facoltativo)
olio extravergine d'oliva
sale
pepe

PROCEDIMENTO

Lessare il polpo intero pulito in una capace pentola di acqua leggermente salata (con un tappo di sughero) per circa un'ora (1 kg = 1 ora).
Far raffreddare completamente nel liquido di cottura, poi scolarlo, togliere la pelle e le ventose, poi tagliarlo a rondelle di circa un centimetro.
A parte, cuocere a vapore le patate tagliate a cubetti avendo cura di non cuocerle troppo (devono rimanere sode): in alternativa si possono bollire intere, poi sbucciarle e tagliarle a cubetti, ma in questa maniera risultano meno saporite.
Mescolare polipo e patate, regolare di sale e pepe e disporre in un bel piatto da portata,  unendo un filo d'olio e, a piacere, prezzemolo finemente tritato.
Servire tiepido.

mercoledì 28 dicembre 2011

Le Ricette della Nonna aderisce al progetto: 1 BLOG = 1 ALBERO

 

Volantini a impatto zero grazie a Doveconviene

Il post di oggi non racconta una ricetta, bensì un progetto a cui ho aderito con piacere: "Il mio blog è carbon neutral" è un'iniziativa che ha l'obiettivo di ridurre le emissioni di anidride carbonica. Per ogni Blog che partecipa viene piantato 1 albero e in questo modo si neutralizza la produzione di anidride carbonica di quel Blog per 50 anni!

Mi sembra un’ottima idea e mi piace pensare ad un pensiero ecologico che trasforma il virtuale in materiale, dando una mano alla salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo.

Per saperne di più, si può visitare la pagina: http://www.doveconviene.it/co2neutral/

martedì 27 dicembre 2011

Biscottoni croccanti con riso soffiato e semi di girasole

biscotti_semi_girasole1 (640x480)_thumb[16]

Questi biscotti fanno sempre furore a Natale, quando li impacchetto e li confeziono in sacchetti e cestini per familiari ed amici: sono croccanti e si sgranocchiano volentieri a qualsiasi ora del giorno, sia a colazione che a merenda, come accompagnamento a tè e caffè.

Si conservano diversi giorni in scatole di latta.

Gli ingredienti contrassegnati con l’asterisco sono del Commercio Equosolidale.

 

INGREDIENTI (per circa 50 biscotti)

225 gr di farina 00 setacciata

250 gr di burro morbido

200 gr di zucchero di canna*

200 gr di zucchero semolato

200 gr di riso soffiato

100 gr di semi di girasole

2 uova

1 cucchiaino di bicarbonato

1 pizzico di sale

 

PROCEDIMENTO

Lavorare con il cucchiaio di legno il burro morbido (basta lasciarlo per un’oretta fuori dal frigo) e i due tipi di zucchero fino ad ottenere una crema omogenea.

Unire le uova, mescolando solo lo stretto necessario.

Incorporare farina, lievito e sale setacciati.

Unire riso soffiato (il tipo croccante, non quello bianco morbido!) e i semi di girasole, girando lentamente e con pazienza per amalgamare.

Formare delle palline con le mani (poco più piccole di una pallina da ping-pong) e disporle ben distanziate su una teglia ricoperta con carta da forno: distanziarle di almeno 5 cm le une dalle altre, altrimenti in cottura si attaccheranno).

Schiacciare leggermente le palline con il palmo della mano e cuocere per circa 10/15 minuti in forno preriscaldato a 180°C: appena si comincino a bruciacchiare i bordi i biscotti sono pronti.

Sfornare, far raffreddare un po’ sulla piastra perché induriscano, poi staccarli e farli raffreddare completamente.

Quando sono ben freddi, si possono conservare in contenitori di latta.

Fricielli con cime di rapa e salsiccia

Fricielli con cime di rapa e salsiccia (6)Fricielli con cime di rapa e salsiccia (2)Fricielli con cime di rapa e salsiccia (3)Fricielli con cime di rapa e salsiccia (4)Fricielli con cime di rapa e salsiccia (5)

Mia zia Graziella è stata di recente in gita in Puglia e mi ha portato a casa dell’ottimo olio e questo formato di pasta tipico, prodotto dal pastificio “Trulli e Puglia” nella zona di Alberobello, in provincia di Bari.

Ho voluto provare ad utilizzare i “fricielli” assieme alle cime di rapa e alla salsiccia, mescolando la puglia all’Emilia: il risultato è stato molto apprezzato!

 

INGREDIENTI (per 4 persone)

400 gr di fricielli

400 gr di cime di rapa baresi

300 gr di salsiccia fresca

1 cipollotto bianco

2 spicchi d’aglio

olio extravergine d’oliva

sale

pepe

 

PROCEDIMENTO

Mettere tre cucchiai d’olio in una larga padella e farvi soffriggere il cipollotto e l’aglio tritati, poi unire la salsiccia spellata e sbriciolata, facendola rosolare.

Unire le foglie e le infiorescenze delle cime di rapa, mescolando velocemente a fuoco vivo, poi spegnere.

Lessare la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolarla al dente e saltarla in padella con il condimento.

Unire una bella macinata di pepe fresco e servire subito.

Roselline con prosciutto cotto e besciamella

Roselline con prosciutto cotto e besciamella (3)Roselline con prosciutto cotto e besciamella (1)Roselline con prosciutto cotto e besciamella (2)
Questa ricetta è di mia madre: quest’anno è stato il piatto forte del pranzo di Natale e tutti si sono leccati i baffi!
E’ un piatto sostanzioso, ma molto più delicato delle lasagne: è bello anche da vedere, il che non guasta.
Per questo piatto è stata utilizzata la besciamella Gran Cucina a base vegetale dell’Azienda CO.DA.P..
INGREDIENTI (per 4 persone)

Per la sfoglia:
300 gr di farina
3 uova

Per il ripieno:
400 gr di prosciutto cotto affettato
1 litro di besciamella
panna liquida
parmigiano reggiano

PROCEDIMENTO
Impastare uova e farina fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Mettere a riposare in frigorifero dentro un sacchetto di nylon per circa mezz'ora.
Tirare la sfoglia sottile, ricavare dei rettangoli (come per i cannelloni) e lessarli in abbondante acqua salata.
Scolarli bene e farli asciugare su un canovaccio.
Su ogni rettangolo, stendere una fetta di prosciutto cotto, uno strato di besciamella e una spolverata di parmigiano.
Arrotolare ogni rettangolo tipo cannellone e tagliarlo a rondelle alte 4 cm.
Disporre le roselline in una pirofila imburrata, con la parte farcita verso l'alto.
A questo punto, le roselline possono essere congelate e prese fuori solamente un attimo prima i essere infornate.
Appena prima di infornare, aggiungere la panna e qualche fiocchetto di burro sulla superficie.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti.
Sfornare e servire.

giovedì 22 dicembre 2011

Menù per il pranzo di Natale

Natale

Dopo la raccolta di ricette per costruire il Menù ideale per la cena della Vigilia, ecco qui quelle per costruirsi il Menù del pranzo di Natale.

 

ANTIPASTI

 

PRIMI PIATTI

 

SECONDI PIATTI

 

SALSE

 

DOLCI

mercoledì 21 dicembre 2011

Menù per la Vigilia di Natale

Vigilia

Oggi vorrei proporre alcune ricette per costruire il menù ideale per la cena della Vigilia di Natale: i piatti saranno divisi per categorie e ognuno potrà scegliere la combinazione più adatta per la propria cena.

 

ANTIPASTI

 

PRIMI PIATTI

 

SECONDI PIATTI

 

CONTORNI

 

PANE

 

DOLCI

lunedì 19 dicembre 2011

Pane all’olio con pasta madre

Pane all'olio con pasta madre (8)Pane all'olio con pasta madre (0)Pane all'olio con pasta madre (1)Pane all'olio con pasta madre (2)Pane all'olio con pasta madre (3)Pane all'olio con pasta madre (4)Pane all'olio con pasta madre (5)Pane all'olio con pasta madre (6)Pane all'olio con pasta madre (7)Pane all'olio con pasta madre (9)

Questa ricetta ricalca fedelmente la ricetta del pane comune con pasta madre: l’unica differenza è che questa ricetta prevede l’uso di olio extravergine d’oliva nell’impasto: la crosta diventa più friabile e anche il sapore ne guadagna sicuramente.

 

INGREDIENTI

1 kg di farina 0

400 ml di acqua tiepida

250 gr di pasta madre (rinfrescata la sera precedente)

100 ml di olio extravergine d’oliva

2 cucchiaini di sale fino

 

PROCEDIMENTO

Fare la fontana con la farina, mettervi al centro la madre e cominciare a impastare aggiungendo pian piano l’acqua e l’olio: dopo un po’ aggiungere il sale e impastare fino ad ottenere un impasto morbido, ma non appiccicoso.

Impastare qualche minuto, fino ad ottenere una palla abbastanza liscia ed omogenea.

Coprire con una ciotola e far riposare una notte.

Il mattino successivo si possono creare le pagnotte, prelevando pezzi d’impasto di circa 200 gr l’uno, arrotolandoli tipo salsicciotti e schiacciandoli leggermente. Procedere arrotolandoli su se stessi pigiando e arrotolando con il palmo della mano, formando delle pagnottine abbastanza strette.

Disporre le pagnotte su carta da forno ben distanziate: far lievitare fino a raddoppio del loro volume (per circa 2/3 ore, dipende dalla temperatura) coperte da un canovaccio.

Quando saranno lievitate, appena prima di infornarle, tagliare con una lametta le pagnotte per il lungo, profondamente, ma senza arrivare fino in fondo: questa operazione serve a far “fiorire” (aprire, allargarsi) le pagnotte in cottura.

Cuocere le pagnotte in forno preriscaldato alla massima temperatura (circa 250°C), riponendole sulla griglia centrale: se possibile, selezionare l’opzione di cottura col calore sulla parte bassa e la ventola sopra (se si dispone di un forno a legna si è davvero fortunati… ma anche in un forno di casa si otterrà un risultato ottimo!).

Sfornare le pagnotte quando iniziano a colorire (circa 15/20 minuti nel forno di casa, molto meno nel forno a legna): riporre le pagnotte dentro un cesto, coperte da un canovaccio.

A questo punto il pane è pronto e si può anche congelare e prendere fuori dal freezer qualche ora prima dell’utilizzo: se si riscalda qualche minuto in forno è eccezionale, come appena sfornato!

domenica 18 dicembre 2011

Risotto integrale ai funghi con cialde di parmigiano

Risotto integrale ai funghi con cialde di parmigiano (4)Risotto integrale ai funghi con cialde di parmigiano (1)Risotto integrale ai funghi con cialde di parmigiano (2)Risotto integrale ai funghi con cialde di parmigiano (3)
Questo è un risotto particolarmente saporito: i funghi, il riso integrale e  le cialde croccanti di parmigiano hanno tutti un gusto intenso e aromatico, perfetti per un piatto tipicamente autunnale.
A questo piatto ho abbinato un vino piemontese, il Dolcetto d'Acqui dell’Azienda Vitivinicola Biologica Bellati Maria Carla di Alessandria, che è ideale con minestre e tutto pasto.
Per ordinare ottimi vini biologici e avere informazioni, si può contattare direttamente l’azienda:
mariacarla.bellati@fastwebnet.it

INGREDIENTI (per 4 persone)
350 gr di riso integrale
500 gr di funghi freschi
1 cipolla
burro
parmigiano grattugiato
sale
pepe

Per il brodo di verdura:
1 cipolla
1 carota
1 casta di sedano
sale

Per guarnire:
cialde di parmigiano

PROCEDIMENTO
Per il brodo: mettere in una pentola colma d’acqua un pugno di sale grosso e le verdure per il brodo tagliate a pezzi grossolani: portare a bollore, abbassare la fiamma e far sobbollire.
Per il risotto: soffriggere la cipolla tritata in una noce di burro, aggiungere il riso e farlo tostare bene finché sfrigola.
Pulire i funghi, tagliarli a fettine e unirli al riso con un mestolo di brodo: mescolare e continuare la cottura del riso per circa 30 minuti (il riso integrale necessità di più tempo di quello raffinato), unendo un mestolo di brodo ogni volta che il riso si asciuga, mescolando di tanto in tanto.
Terminata la cottura, unire una bella noce di burro, due manciate di parmigiano grattugiato, una macinata di pepe e un mestolino di brodo: mescolare, coprire e far riposare cinque minuti.
Disporre il riso in piatti individuali, decorare con le cialde di parmigiano e servire subito.

sabato 17 dicembre 2011

Pasta al forno delicata con prosciutto cotto e besciamella

Pasta al forno delicata con prosciutto cotto e besciamella (3)Pasta al forno delicata con prosciutto cotto e besciamella (1)Pasta al forno delicata con prosciutto cotto e besciamella (2)
Questa ricetta è l’ideale per chi vuole arrivare a casa la sera e trovarsi una cenetta con i fiocchi ottenuta in pochissimo tempo: si può  preparare in anticipo, congelare e scongelare gratinando la pasta in pochi minuti direttamente in forno.
Per questa ricetta ho provato la besciamella Gran Cucina a base vegetale dell’Azienda CO.DA.P., che dona cremosità al piatto senza appesantirlo.

INGREDIENTI (per 4 persone)
400 gr di maccheroni o penne
200 gr di prosciutto cotto in un’unica fetta
parmigiano grattugiato
olio extravergine d’oliva
sale

PROCEDIMENTO
Lessare la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolare al dente e condirla con la besciamella, il prosciutto a cubetti, un filo d’olio e due o tre manciate di parmigiano.
Versare la pasta in una teglia da forno, livellarla delicatamente e cospargere con qualche manciata di parmigiano grattugiato.
A questo punto si può mettere la teglia in un sacchetto di plastica per alimenti e si può riporre in freezer.
Gratinare la pasta in forno preriscaldato a 180°C per circa 15 minuti: è pronta quando sopra si è formata una bella crosticina dorata.
Togliere dal forno e servire subito.

Schiacciata di pasta madre con pomodoro e origano

Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre 4Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre 1Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre 2Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre 3
Questa ricetta è molto semplice ed è una variante leggera della classica pizza: è versatile e si presta bene ad essere mangiata da sola o accompagnata con formaggi, salumi, verdure grigliate.
Per questa preparazione ho provato la farina 0 di Molino Chiavazza e devo dire che l’impasto è risultato elastico e facile sia da impastare che da stendere con il mattarello: la consistenza è buona e si può ottenere una schiaccia più o meno croccante diminuendo o aumentando i minuti di cottura.

Per saperne di più sui prodotti del Molino Chiavazza:

- Sito Web: http://www.molinochiavazza.it/

- E-mail: info@molinochiavazza.it

 

INGREDIENTI (per 4/6 persone)

500 gr di farina 0
250 ml di acqua
150 gr di lievito madre (rinfrescato la sera precedente)
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di sale fino
100 gr di salsa di pomodoro
origano secco
olio extravergine d'oliva
 
 
PROCEDIMENTO
 
Per la pasta: mettere la farina in una ciotola, aggiungervi al centro il lievito madre, poi unire olio e acqua e sale amalgamando un po' con le mani.
Impastare brevemente, fino ad ottenere un impasto omogeneo, formare una palla e mettere a lievitare per circa tre ore sotto una ciotola,
Ricavare quattro palline di pasta, stenderle sulla spianatoia aiutandosi con il mattarello e un po' di farina, fino ad ottenere delle basi tipo pizza molto sottili.
Disporre ogni base su un pezzo di carta da forno e cospargere (con le mani) la superficie di ognuna due o tre cucchiai di salsa di pomodoro (deve solo sporcarsi la pasta), una manciata di origano, e un filo di olio extravergine d'oliva; far riposare 30 minuti.
Cuocere una schiacciata per volta in forno preriscaldato alla massima temperatura, facendo attenzione perché la cottura è molto veloce: se si vuole una schiacciata morbida, bisogna toglierla dal forno un minuto dopo che si sono formate le bolle, altrimenti si lascia altri due minuti dentro per ottenere una schiacciata croccante.
Togliere dal forno e servire immediatamente.

Maccheroncini con cipollotto fresco, speck e crema ai funghi porcini

Maccheroncini con cipollotto fresco, speck e crema di funghi (4)Maccheroncini con cipollotto fresco, speck e crema di funghi (1)Maccheroncini con cipollotto fresco, speck e crema di funghi (2)Maccheroncini con cipollotto fresco, speck e crema di funghi (3)
Nelle serate d’inverno mi viene voglia di sapori intensi, che mi ricordino un po’ quel calore da vacanza in montagna, quando si torna da una camminata nella neve e si ha voglia di coccolarsi con qualche piatto sostanzioso ed energetico.
Questa ricetta è nata provando i prodotti dell’Azienda CO.DA.P, che mi ha inviato recentemente una campionatura dei suoi prodotti: qui ho utilizzato la crema di funghi porcini, che ha un sapore davvero profumato e gradevole e si accosta benissimo allo speck e al cipollotto fresco.

INGREDIENTI (per 4 persone)
400 gr di maccheroncini
150 gr di speck
1 cipollotto fresco
1 bicchierino di brandy
olio extravergine d’oliva
sale
pepe

PROCEDIMENTO
Tritare il cipollotto e soffriggerlo leggermente in padella con due o tre cucchiai d’olio, poi unire lo speck a listarelle e rosolarlo un po’.
Unire il brandy e fiammeggiarlo a fuoco vivo, finché non è evaporato l’alcool.
Abbassare la fiamma, unire la crema di funghi e amalgamare il tutto, facendo cuocere due minuti.
Spegnere e tenere da parte.
Lessare i maccheroncini in abbondante acqua bollente salata, scolarli al dente e unirli in padella con la crema.
Amalgamare bene e servire subito.

venerdì 16 dicembre 2011

Schiacciatina olio, sale e rosmarino con pasta madre

Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre (8)Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre (1)Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre (2)Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre (5)Schiacciatina olio, sale e rosmarino con lievito madre (6)
Questa è la versione della schiacciata aglio, olio e rosmarino con pasta madre.
Per questa ricetta ho usato l’olio extravergine d’oliva “Sincerus” dell’Azienda Agricola Biologica “Costantini” di Camporeale, in provincia di Palermo: si tratta di un olio molto aromatico, che esalta il sapore semplice di questo piatto.
Per ordinare direttamente dall’azienda, ecco i recapiti:

INGREDIENTI (per 4/6 persone)

500 gr di farina 0
250 ml di acqua
150 gr di lievito madre (rinfrescato la sera precedente)
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di sale fino
aglione (salamoia bolognese)
olio extravergine d'oliva

PROCEDIMENTO
Per la pasta: mettere la farina in una ciotola, aggiungervi al centro il lievito madre, poi unire olio e acqua e sale amalgamando un po' con le mani.
Impastare brevemente, fino ad ottenere un impasto omogeneo, formare una palla e mettere a lievitare per circa tre ore sotto una ciotola,
Ricavare quattro palline di pasta, stenderle sulla spianatoia aiutandosi con il mattarello e un po' di farina, fino ad ottenere delle basi tipo pizza molto sottili.
Disporre ogni base su un pezzo di carta da forno e cospargere (con le mani) la superficie di ognuna una manciata di aglione e due o tre cucchiai di olio extravergine d'oliva, massaggiando tutta la superficie e i bordi per far insaporire; far riposare 30 minuti.
Cuocere una schiacciata per volta in forno preriscaldato alla massima temperatura, facendo attenzione perché la cottura è molto veloce: se si vuole una schiacciata morbida, bisogna toglierla dal forno un minuto dopo che si sono formate le bolle, altrimenti si lascia altri due minuti dentro per ottenere una schiacciata croccante.
Togliere dal forno e servire immediatamente, accompagnando con salumi, sottaceti e formaggi.

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura