Se vuoi sostenere questo blog, puoi farlo cliccando qui:

martedì 8 agosto 2017

Peperoni sigaretta sott’aceto

Peperoni sigaretta sottaceto (11)
Peperoni sigaretta sottaceto (1) Peperoni sigaretta sottaceto (2)
Peperoni sigaretta sottaceto (3) Peperoni sigaretta sottaceto (5)
Peperoni sigaretta sottaceto (8)
Peperoni sigaretta sottaceto (9) Peperoni sigaretta sottaceto (10)

I peperoni sigaretta sono stati una grande scoperta quest’anno: piantati all’OrtoLà per recuperare tante piantine destinate ad essere buttate, eccoli crescere in tutta la loro rigogliosa bellezza: le piante rendono tantissimo e ogni due giorni si raccolgono tanti peperoni sigaretta, deliziosi sia da mangiare crudi in pinzimonio o salatati in padella, ma la loro morte è sicuramente nel vasetto assieme a dell’ottimo aceto di vino bianco autoprodotto!
INGREDIENTI (per 4 vasetti da 250 g l’uno)
    • peperoni sigaretta 1 kg
    • aceto di vino bianco 500 ml
    • sale grosso 2 cucchiai

PROCEDIMENTO
  • Lavare velocemente i peperoni con acqua corrente e far asciugare su un canovaccio pulito.
  • Distribuire i peperoni nei vasetti precedentemente sterilizzati, pigiandoli bene, ma senza ammaccarli.
  • Mettere aceto e sale grosso in un tegame, portare ad ebollizione e spegnere.
  • Riempire i vasetti di peperoni con l’aceto bollente fino a un dito dall’orlo: i peperoni devono essere completamente coperti d’aceto.
  • Chiudere subito con tappi precedentemente sterilizzati.
  • Mettere i vasi in una capace pentola, coprirli completamente d’acqua e portare ad ebollizione: sterilizzarli facendoli sobbollire per 20 minuti dal momento del bollore, spegnere e far raffreddare completamente dentro la pentola.
  • Togliere i vasi freddi dalla pentola, asciugarli bene e riporli in luogo buio e asciutto.
  • Si conservano per circa un anno.

lunedì 6 marzo 2017

Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d’agave

Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (11)
Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (1)Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (2)
Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (3)Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (4)
Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (5)Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (6)
Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (7)Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (8)
Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (9)Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d'agave (10)
Pancakes ai quattro cereali con latte di soia, zucchero di canna e sciroppo d’agave
La mia passione per i pancakes è in continua evoluzione e ogni volta che li faccio cerco di proporne una versione diversa: in questa ricetta ho unito il sapore rustico della farina semintegrale biologica ai quattro cereali (farro, orzo, riso e grano) macinata a pietra al dolce sciroppo d’agave… un connubio perfetto!
Questa ricetta non contiene lievito, latte e uova ed è quindi adatta a chi è intollerante a questi alimenti: è, inoltre, una ricetta adatta a vegetariani e vegani, in quanto non contiene nessun alimento di provenienza animale.
Per questa ricetta ho scelto lo sciroppo d’agave Sunny Via.


INGREDIENTI (per circa 12 pancakes)
  • 250 ml di latte di soia
  • 200 gr di farina ai quattro cereali
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 1 pizzico di bicarbonato
  • 1 pizzico di sale
  • olio di mais (o arachidi, o girasole) per ungere la piastra
  • sciroppo d’agave per servire



PROCEDIMENTO

Mescolare in una ciotola farina, zucchero, sale e bicarbonato, poi mescolarli con una frusta a mano unendo il latte di soia a filo, fino ad ottenere un composto omogeneo e abbastanza liquido.
Scaldare una piastra antiaderente, ungerla con pochissimo olio e versarvi il composto con un mestolino: se si cuociono diversi pancakes su una stessa piastra bisogna tenerli distanziati.
Appena cominciano a formarsi dei buchini in superficie, voltare il pancakes con una spatolina e farli cuocere per pochi istanti anche dall’altra parte: si girano una volta sola.
Man mano che sono pronti, impilare i pancakes già cotti su un piatto, per mantenerli caldi: ogni volta che si cuociono nuovi pancakes bisogna ungere nuovamente la piastra.
Terminata la cottura di tutti i pancakes, disporne due o tre per piatto e versarvi sopra lo sciroppo d’agave: da servire rigorosamente caldi.

domenica 5 marzo 2017

Sformato di cavolfiore gratinato al forno

Sformato di cavolfiore gratinato al forno (6)
Sformato di cavolfiore gratinato al forno (1) Sformato di cavolfiore gratinato al forno (2)
Sformato di cavolfiore gratinato al forno Sformato di cavolfiore gratinato al forno (3)Sformato di cavolfiore gratinato al forno (4) Sformato di cavolfiore gratinato al forno (5)Sformato di cavolfiore gratinato al forno (8)
Questo è uno sformato semplice e veloce, che può costituire un ottimo piatto unico o un contorno: protagonista è il cavolfiore, che ho mescolato a panna, grana Bella Lodi Gran Natura (con caglio vegetale, senza lattosio e OGM free) e noce moscata, per poi farlo gratinare in forno per trenta minuti.
Il risultato è davvero squisito!
INGREDIENTI (per 4 persone)

PROCEDIMENTO
  • Pulire il cavolfiore ed eliminare le foglie e la parte più dura del gambo: dividerlo in cimette e tagliare a metà o in quattro le più grosse.
  • Mettere il cavolfiore in una teglia, aggiungere la panna, quattro o cinque cucchiai di grana grattugiato (tenerne indietro due manciate per la gratinatura), una generosa grattugiata di noce moscata, sale, pepe e mescolare bene per amalgamare il tutto.
  • Livellare un po’ la superficie e cospargerla con pangrattato e una grattugiata di grana.
  • Cuocere in forno a 180°C per 20/30 minuti, selezionando l’opzione “grill” per gli ultimi 5 minuti: lo sformato sarà pronto quando la panna si sarà ritirata e la superficie risulterà dorata.
  • Sfornare, far leggermente intiepidire e servire.

Scrivo anche qui:

Consigli di lettura